Golden hour: che cos’è e come sfruttare l’ora dorata

Golden hour: che cos’è e come sfruttare l’ora dorata

La golden hour, talvolta chiamata anche magic hour, è una particolare condizione di luce, che consente di scattare incredibili fotografie. In realtà, più correttamente, bisognerebbe parlare di golden hours o di magic hours, poiché non esiste una sola “oro d’oro”, ma addirittura due. Scopriamo quali sono e come sfruttare queste condizioni di luce particolarmente favorevoli per migliorare la propria tecnica fotografica e, in definitiva, per ottenere fotografie più belle.

La golden hour: che cos’è?

luce dorata

Prima di imparare a sfruttarla, cerchiamo di capire che cos’è la golden hour. Come lascia intuire il nome, essa fa riferimento all’oro. Questa, infatti, è la colorazione che assume la luce del sole, quando questo si trova molto basso all’orizzonte. Quella della magic hour, pertanto, è una condizione di luce che si verifica all’alba e al pomeriggio. Per questo, piuttosto che di golden hour si parla di golden hours.

Le caratteristiche delle golden hour

Perché le golden hour sono così ricercate e apprezzate dai fotografi di tutto il mondo? Come detto, all’alba e al tramonto il sole basso all’orizzonte ricrea condizioni particolari di luce. Queste rendono il paesaggio molto affascinante, perfetto per fotografie particolarmente intense. Da un punto di vista tecnico, tuttavia, la situazione è un po’ più complessa.

La luce delle magic hour, infatti, è una luce molto delicata e diffusa. Questo si verifica perché i raggi del sole, che come detto si trova molto basso all’orizzonte, sono costretti ad attraversare una fascia atmosferica più spessa. Questo fa sì che la luce sia più delicata e diffusa. Inoltre, provenendo da un unico punto, la luce durante le golden hours è direzionale e, pertanto, le ombre sono molto lunghe e ben definite. Questo ci aiuterà a dare maggiore tridimensionalità ai soggetti dell’immagine. Le magic hours, come detto, non sono solo una questione di luce, ma anche di colori. Infatti, il passaggio attraverso strati di atmosfera più spessi tende a far disperdere le radiazioni luminosi tendenti al blu e al viola, favorendo la preponderanza di quelle rosse. È per questo motivo che all’alba e al tramonto i toni del cielo tendono all’arancione e al rosso.

La durata della magic hour

Il nome, oltre che all’oro, poi fa riferimento anche alla durata di circa un’ora. Per quanto attiene l’alba, solitamente, la golden hour si verifica dai 2 ai 5 minuti prima del sorgere del sole e dura per la successiva ora. Per quanto riguarda il tramonto, invece, la magic hour inizia circa 10 minuti prima del tramonto e dura, come all’alba, circa un’ora. Durante questi due lassi di tempo è possibile sperimentare diverse condizioni di luce, ciascuna con le proprie caratteristiche. Il divertimento consiste proprio nell’individuare la condizione di luce migliore, a seconda del proprio gusto estetico.

Come prepararsi per le golden hours

magic hour

Poiché le golden hours hanno una durata limitata nel tempo, è necessario prepararsi al meglio. Le variabili che consentono di sfruttare al meglio le ore d’oro sono numerose. Pianificare questo genere di fotografia consente di sfruttare appieno la luce dorata. Il primo parametro da tenere in considerazione, senza dubbio, riguarda le condizioni metereologiche. Una app per smartphone sarà sufficiente per capire se si tratta del giorno giusto o se è meglio rimandare.

Altro aspetto da tenere in considerazione riguarda, ovviamente, l’orario a cui il sole sorge e tramonta. Senza questo dato fondamentale vi è il rischio di giungere sul luogo prescelto quando le condizioni di luce, ormai, non sono più ottimali. Per scoprire l’orario dell’alba e del tramonto è possibile consultare internet su uno dei tanti siti che offrono questo genere di informazione. Oppure, sfruttare questo piccolo segreto: si tratta di un sistema di calcolo che individua automaticamente, a seconda del luogo che indicherete, quali sono gli orari migliori per scattare le vostre fotografie.

Questo, poi, implica la scelta preventiva del luogo in cui si desidera scattare le proprie fotografie e, dunque, il soggetto da fotografare. Un paesaggio, per esempio, sarà valorizzato dai colori caldi che avvolgeranno ogni angolo dell’immagine. Un edificio, invece, sarà, reso ancora più impattante dal forte contrasto che si creerà con il cielo. Un ritratto, infine, beneficerà della luce più diffusa che attenuerà i tratti del soggetto.

Come scattare una buona fotografia duranta la golden hour

In ultima analisi, per scattare una buona fotografia duranta la golden hour occorre tener conto dei seguenti parametri:

  • condizioni metereologiche: il sole deve essere visibile affinché l’effetto di luce sia esattamente quello desiderato;
  • orario di alba e tramonto: a seconda che si voglia sfruttare la luce dell’alba o del tramonto, occorre informarsi sugli orari in cui il sole sorge o tramonta e, possibilmente, giungere sul posto con un certo anticipo;
  • luogo dello scatto: la scelta del posto dove si desidera scattare consente di prepararsi con sufficiente anticipo alla sessione fotografica;
  • soggetto: insieme con la scelta del luogo, la scelta del soggetto da fotografare consente di preparare al meglio la composizione fotografica.

A questo punto siete pronti per scattare alla luce della golden hour. Il suggerimento, come sempre, è quello di sperimentare, provando diverse condizioni di luce e diverse impostazioni della vostra macchina fotografica. Alla fine, non resterete delusi.

Scritto il 25/07/2019 Fotografia 1047