Filtri

Produttori

Informazioni

Canon Ci sono 113 prodotti.

Sotto-categorie

  • Canon EF-M e Canon RF

    Obiettivi per le fotocamere mirrorless EOS M e EOS R

  • Grandangolari

    I grandangolari Canon sono ciò che serve per dare una marcia in più alla propria reflex. Gli obiettivi grandangolari Canon, fra le ottiche fotografiche, consentono di realizzare immagini con un più ampio angolo di campo. Un vantaggio indubbio, che permette di realizzare fotografie estremamente panoramiche sia all’aperto che al chiuso. Per questo, nel corredo di ottiche di un buon fotografo, non dovrebbero mai mancare un obiettivo grandangolare.

    Grandangolari Canon: allarga i tuoi orizzonti

    Gli obiettivi grandangolari, come i grandangolari Canon, sono lenti fotografiche caratterizzate da una lunghezza focale solitamente inferiore ai 50 millimetri e, quindi, da un angolo di campo molto ampio. Solitamente, come nel caso degli obiettivi grandangolari Canon, questo valore varia fra 64° e 84°. Grazie a questo accorgimento, si ottiene una prospettiva peculiare che, oltre a un’immagine più panoramica, porta i soggetti in primo piano ad essere prominenti rispetto a quelli in secondo. Pertanto, gli obiettivi grandangolari sono spesso stati utilizzati per ritrarre paesaggi e architetture, ma anche per la ritrattistica. È bene tenere presente, però, che le ottiche grandangolari comportano una deformazione, che si rende evidente in presenza di linee che seguono quelle prospettiche. Ciò è evidente, per esempio, nella fotografia di architetture dalle forme geometriche.

    Grandangolari EF Canon

    Fra i propri obiettivi, i grandangolari EF Canon costituiscono la linea principale dei grandangolari della casa produttrice nipponica. I grandangolari Canon EF, infatti, sono destinati sia all’utenza amatoriale sia ai professionisti. Si va, dunque, da obiettivi come il Canon EF 24 mm f/2.8 fino al Canon EF 25 mm f/2, passando per il Canon EF-S 10-18 f/4.5-5.6.

    Grandangolari Canon serie L

    Per quanto riguarda gli obiettivi grandangolari destinati ai fotografi professionisti, invece, anche in questo caso l’azienda ha creato i grandangolari Canon serie L. Si tratta di obiettivi dalle eccezionali doti di fotografiche. Queste formidabili lenti fotografiche, infatti, sono il meglio che Canon può offrire. Caratterizzate da una linea rossa che circonda il barilotto, i grandangolari serie L vanno dal Canon EF 24 mm f/1.4L al Canon EF 16-35 mm f/2.8L.

    Grandangolari Canon EF-M

    Accanto ai tradizionali grandangolo, l’azienda ha poi messo a punto anche i grandangolari Canon EF-M. Si tratta di lenti che sono appositamente pensate per le fotocamere mirrorless dell’azienda nipponica. In questo caso, sono disponibili obiettivi che vanno dal Canon EF-M 22 mm f/2 al Canon EF-M 11-22 f/4-5.6.

  • Ottiche Fisse

    Le ottiche fisse Canon sono gli obiettivi a lunghezza focale fissa, che l’azienda nipponica ha creato appositamente per le proprie macchine fotografiche. Caratterizzate da una qualità ottica generalmente superiore a quella di altri obiettivi, queste ottiche hanno anche un’apertura focale superiore. Ciò consente di scattare anche in condizioni di scarsa luminosità.

    Obiettivi fissi Canon: vantaggi e svantaggi delle ottiche fisse

    Com’è stato già accennato, gli obiettivi fissi Canon, come qualsiasi altra ottica fissa, offrono una serie di vantaggi innegabili. Ciononostante, le ottiche fisse hanno anche una serie di svantaggi di cui bisogna tenere.

    Svantaggi delle ottiche fisse

    Partendo proprio dagli svantaggi delle ottiche fisse, occorre dire che queste gli obiettivi fissi risultano meno flessibili. Il motivo è facilmente intuibile. Senza la possibilità di regolare la lunghezza focale, occorre che sia lo stesso operatore ad avvicinarsi o ad allontanarsi dal soggetto che intende ritrarre. Una situazione che anche chi possiede uno zoom avrà certamente sperimentato, quando l’ottica non aveva una lunghezza adatta alla situazione che stava per fotografare. Un altro svantaggio, a seconda dei punti di vista, può essere la grande profondità di campo delle ottiche fisse. Questa, infatti, rischia di far risultare sfocati dei dettagli che si trovano anche soltanto pochi millimetri più lontani dall’obiettivo.

    Due svantaggi non trascurabili, specie per chi intende fare una fotografia meno “pensata”. In condizioni normali, la maggior parte dei fotografi, intende scattare senza pensare troppo all’immagine che sta andando a ritrarre. D’altro canto, almeno secondo i fotografi esperti, le ottiche fisse sono perfette per chi intende imparare i rudimenti della composizione fotografica.

    Vantaggi delle ottiche fisse

    Alcuni dei vantaggi delle ottiche fisse, in realtà, sono già stati affrontati. Il principale, ma anche il più importante, risiede nell’apertura focale, che generalmente è maggiore. Questo consente al fotografo di scattare anche in condizioni di scarsa luminosità, senza ricorrere a fonte di luci esterne oppure ad alzare gli ISO. Una pratica che, spesso, può portare a uno scadimento dell’immagine.

    Le ottiche fisse, come gli obiettivi fissi Canon, inoltre offrono una grande definizione e nitidezza. Inoltre, la profondità di campo delle ottiche fisse, che come abbiamo detto per alcuni può essere uno svantaggio se non si sa come gestirla correttamente, consente di isolare perfettamente il soggetto dallo sfondo. Con un’ottica fissa, infatti, si ottiene quello che viene definito bokeh, cioè una morbida sfocatura di ciò che sta dietro il punto a fuoco. Anche per queste ragioni, spesso, questo ottiche vengono impiegate per la ritrattistica.

    Ottiche fisse Canon: modelli e caratteristiche

    Essenzialmente le ottiche fisse Canon si possono distinguere in tre tipologie:

    • ottiche fisse Canon EF e EF-S: essenzialmente questa è la linea base del parco ottiche fisse; anche in questo caso, però, parliamo di ottiche di altissima qualità, come nel caso dell’ambito Canon EF 50 mm f/1.4;
    • ottiche fisse Canon EF-M: è la linea di ottiche fisse pensate per le fotocamere mirrorless della casa nipponica; questo genere di lenti, infatti, consente di combinare i vantaggi di leggerezza di una fotocamera mirrorless con quelli di un’ottica a lunghezza focale fissa;
    • ottiche fisse Canon Serie L: appartengono a questa serie di ottiche solo il meglio delle ottiche fisse realizzare dalla casa giapponese; sono contraddistinte da una linea rossa che percorre interamente il barilotto; esse garantiscono una qualità d’immagine ai vertici della categoria.
  • Ottiche Macro

    Gli obiettivi macro Canon sono ottiche appositamente pensate per realizzare fotografie macro con le macchine fotografiche della casa nipponica. Grazie a un obiettivo macro Canon, infatti, è possibile esaltare dettagli microscopici. La fotografia macroscopica, infatti, consente di ritrarre fiori, insetti e tutti quei dettagli che con un normale obiettivo risulterebbero troppo piccoli per essere fotografati.

    Obiettivi macro Canon: l’arte di fotografare il piccolo

    Ritrarre dettagli così piccoli, come per esempio un insetto, è possibile perché le ottiche macro, consentono una distanza minima di messa a fuoco davvero ridotta rispetto alle altre ottiche. Con un obiettivo comune, infatti, a una certa distanza l’ottica non riuscirà più a mettere a fuoco il soggetto.

    Un obiettivo macro, come gli obiettivi macro Canon, consentono di avvicinarsi fino a ottenere il famoso rapporto 1:1. Con questo rapporto si indica la dimensione del soggetto e l’immagine che viene proiettato sul sensore. Pertanto, gli obiettivi macro consentono di proiettare sul sensore la medesima dimensione, per esempio, di una formica. Già questo consente di avere ingrandimenti eccezionali dei dettagli, che diventano stupefacenti quando si prosegue a ingrandire in post produzione.

    Un terzo fattore che riguarda gli obiettivi macro e, dunque anche gli obiettivi macro per Canon, è la distanza minima di lavoro. Questo valore è importante, specie per chi vuole realizzare fotografie macro di insetti. Se la distanza minima di lavoro è troppo bassa, il rischio costante è che l’insetto fugga prima che il fotografo sia riuscito a ritrarlo.

    Obiettivi macro Canon: i vantaggi della fotografia macro

    Il vantaggio della fotografia macro, come quella ottenuta con un obiettivo macro Canon, risiede essenzialmente nella possibilità di sperimentare un nuovo modo di guardare il circostante. La fotografia macro, infatti, esalta i dettagli che spesso passano inosservati, perché troppo piccoli per essere osservati ad occhio nudo. Questo vantaggio, inevitabilmente, ne richiama un altro. Se è vero che, da un lato, la macrofotografia può essere realizzata in qualsiasi luogo, è anche vero che essa richiama inevitabilmente verso la natura. Una questione che ha grande importanza per chi dalla fotografia intende ricavare un’esperienza che vada oltre la fotografia stessa.

    Obiettivi macro per Canon: gli svantaggi della macrofotografia

    Ovviamente, come tutti gli stili fotografici, anche la macrofotografia ha degli svantaggi. Attraverso un obiettivo macro Canon, si può entrare in un mondo nuovo, completamente diverso da quello della fotografia tradizionale. Questo comporta uno studio, che esula dal semplice studio della composizione e della tecnica fotografica. Quando si acquista consapevolmente un obiettivo macro per Canon si accetta di studiare approfonditamente ciò che si andrà a fotografare. Specie quando si ritraggono flora e fauna, se si vogliono realizzare macrofotografie veramente belle, è necessario conoscere le loro caratteristiche, le loro abitudini e tutto ciò a loro connesso. Questo, chiaramente, impone un impegno maggiore.

    Obiettivi macro Canon: il parco ottiche macro

    Il parco di obiettivi macro Canon si può essenzialmente suddividere in due categorie:

    • obiettivi macro Canon EF: è la linea base di ottiche macro Canon, che consente di accostarsi alla fotografia anche a coloro i quali sono a digiuno di questa tecnica; allo stesso tempo, questi obiettivi macro per Canon consentono di ottenere scatti di alta qualità;
    • obiettivi macro Canon Serie L: questa linea, invece, riguarda la fascia alta di ottiche Canon per macro; essi sono contraddistinti da una linea rossa che percorre l’intero barilotto; la loro altissima qualità, consente di ottenere fotografie eccezionali; per questo, spesso sono scelti dai fotografi professionisti.
  • Teleobiettivi

    Un teleobiettivo Canon, talvolta detti zoom Canon, è quanto necessario per fotografare soggetti posti a grande distanza dalla macchina fotografica. I teleobiettivi Canon, infatti, sono caratterizzati da una notevole lunghezza focale, che gli consente di avvicinare soggetti a grande distanza. Pertanto, questi obiettivi vengono adoperati in tutti quei contesti che non consentono di avvicinarsi al soggetto, come per esempio durante un evento sportivo, un concerto e così via.

    Teleobiettivi Canon per avvicinare ciò che è lontano

    Essenzialmente i teleobiettivi, come i teleobiettivi Canon, si caratterizzano per la grande escursione focale di cui sono dotati. Tuttavia, occorre preliminarmente fare una prima distinzione. Per teleobiettivo, in realtà, si intende un obiettivo che possiede un particolare schema ottico, basato su lenti convergenti e divergenti, che consentono di mantenere l’escursione focale all’interno dell’ingombro stesso dell’obiettivo. Questo, è facilmente intuibile, consente di ridurre gli ingombri. Cosa diversa, invece, sono gli obiettivi che consentono all’obiettivo di accrescere la propria lunghezza focale, perché si allungano letteralmente. In un caso o nell’altro, comunque, è possibile ritrarre tutto ciò che è posto a una distanza superiore a quella che potrebbe raggiungere un normale obiettivo.

    In linea di massima, un teleobiettivo si definisce tale quando supera la focale di 50 mm. In questo ambito, tuttavia, occorre precisare che esistono due tipologie di teleobiettivo:

    • teleobiettivo a focale fissa: sono i teleobiettivi che non consentono di eseguire la classica zoomata, ma che hanno una lunghezza focale fissa, benché estremamente lunga;
    • obiettivo zoom: è il classico obiettivo che, per mezzo della ghiera dello zoom, consente di scorrere lungo il range di lunghezze focali di cui l’obiettivo dispone.

    Teleobiettivi Canon: i pregi dei teleobiettivi

    Chiaramente, come si è già capito, il pregio principale di un teleobiettivo, come i teleobiettivi Canon, risiede nella possibilità di ritrarre soggetti posti a grande distanza. Questo è un indubbio vantaggio, perché consente di ritrarre con sufficiente nitidezza anche quei soggetti ai quali, per ragioni di necessità o di sicurezza, non è possibile avvicinarsi. Si immagini, per esempio, la possibilità di fotografare un calciatore, posto a decine di metri di distanza, senza perdere alcun dettaglio. Un secondo vantaggio che si può avere utilizzando un teleobiettivo riguarda l’effetto bokeh. Con esso, in pratica, si realizza uno sfocato sullo sfondo, che esalta i soggetti a fuoco. Infine, con i teleobiettivi si può ottenere un altro effetto piacevole in certe occasioni, che attiene alla compressione dei piani focali. Grazie a questo effetto, i soggetti della fotografia, anche se posti distante fra loro, appaiono sovrapposti.

    Obiettivi tele Canon: difetti di un teleobiettivo

    Il primo e più visibile difetto di un teleobiettivo, compresi i teleobiettivi Canon, riguarda gli ingombri di questo genere di ottiche. Un altro difetto abbastanza noto dei teleobiettivi riguarda la sensibilità al mosso. Per questo è consigliabile utilizzare i teleobiettivi in accoppiata con un cavalletto che aiuti a stabilizzare la ripresa.

    Teleobiettivi per Canon: il parco ottiche

    I teleobiettivi per Canon si distinguono a seconda della linea a cui appartengono. Essenzialmente possiamo elencare 3 segmenti di Canon teleobiettivi:

    • teleobiettivi Canon EF: questi teleobiettivi appartengono alla linea base di Canon, in grado comunque di fornire prestazioni eccellenti, sono adatti a un pubblico di fotoamatori, che non vogliono far mancare nel proprio corredo fotografico un teleobiettivo;
    • teleobiettivi Canon EF-M: sono i teleobiettivi Canon dedicati alle macchine fotografiche mirrorless della stessa azienda; pertanto essi sono destinati solo ai possessori di questa tipologie di macchine fotografiche;
    • teleobiettivi Canon Serie L: è la linea di teleobiettivi Canon più prestigiosa della casa nipponica; contraddistinti da una linea rossa che percorre l’intero barilotto, questo genere di obiettivi garantiscono una qualità d’immagine ai massimi livelli; per questo motivo, queste ottiche sono rivolte a un pubblico di fotografi appassionati o di professionisti.
  • Zoom
    stai visualizzando i prodotti della categoria Zoom
  • Video
    stai visualizzando i prodotti della categoria Video
per pagina
Mostrando 1 - 24 di 113 articoli
Mostrando 1 - 24 di 113 articoli

Canon

Gli obiettivi Canon sono prodotti dall’azienda nipponica, sin dagli albori della sua storia. Nel gennaio del 1946, l’azienda avviò la produzione del Canon Serenar 50 mm sulla base di un progetto della Leica. La storia delle ottiche Canon si è rapidamente evoluta, introducendo modelli sempre nuovi e, via via, sempre più performanti. Con il Canon ...

Gli obiettivi Canon sono prodotti dall’azienda nipponica, sin dagli albori della sua storia. Nel gennaio del 1946, l’azienda avviò la produzione del Canon Serenar 50 mm sulla base di un progetto della Leica. La storia delle ottiche Canon si è rapidamente evoluta, introducendo modelli sempre nuovi e, via via, sempre più performanti. Con il Canon 50 mm, nel 1955, l’azienda abbandonò il marchio Canon Serenar, segnando la svolta nella propria produzione di ottiche. Da allora il parco delle lenti di Canon si è ancora più arricchito. Diversi gli attacchi, cioè gli accoppiaggi fra ottica e corpo macchina, adottati nel tempo:

  • attacco Canon R: è stato il primo attacco adottato, nel 1959, dall’azienda nipponica, dotato di sistema di innesto breech-lock; con questo tipo di attacco furono prodotte 19 tipologie di lenti e loro varianti, il primo dei quali fu il Canon 55- 135 mm f/3,5;
  • attacco Canon FL: questo attacco, che sostituì il precedente, fu presentato nel 1964; con esso venne introdotto un sistema di comando automatico della chiusura del diaframma; ciononostante, si trattò di un attacco che ebbe una vita relativamente breve, ma che vide comunque la produzione di ben 34 ottiche;
  • attacco Canon FD: il terzo tipo di attacco fu adottato da Canon nel 1971; con esso fu introdotta la lettura esposimetrica, cioè la lettura della luce della scena; fu anche aggiornato, nel 1979, con il nome di attacco Canon New-FD; con questo tipo di attacco furono presentati numerosi tipi di ottiche, fra cui le prestigiose Canon Serie L.

L’attacco Canon EF

La svolta più moderna in fatto di attacchi, tuttavia, vi fu nel 1987. In quell’anno, infatti, l’azienda presentò sul mercato il nuovo attacco Canon EF. La quarta versione dell’attacco Canon introduce l’innesto a baionetta e include nativamente l’autofocus. Questa caratteristica è consentita dai motori ultrasonici, che garantiscono massima silenziosità e grande precisione nella messa a fuoco. Inoltre, gli obiettivi con attacco EF introducono anche un sistema di stabilizzazione d’immagine.

L’azienda oggi produce tre tipologie di obiettivi, caratterizzati dal cosiddetto attacco Canon EF. Con questa sigla, che sta per Electro Focus, si raggruppano le ottiche di un parco costituito da più di 60 obiettivi. In particolare, questi si suddividono in:

  • obiettivi Canon EF: sono gli obiettivi pensati da Canon per le proprie reflex digitali; essi, a loro volta, si suddividono in: obiettivi fissi, zoom, macro e tilt shift;
  • obiettivi Canon EF-S: gli obiettivi di questa gamma, derivati dai Canon EF sono adatti alle reflex digitali con sensori APS-C; sono generalmente più leggeri e compatti degli obiettivi della gamma EF;
  • obiettivi Canon EF-M: questo parco ottiche, estremamente portatili e leggeri, è disegnato appositamente per le fotocamere mirrorless EOS M.

Obiettivi Canon serie L

Agli obiettivi tradizionali, poi, Canon ha aggiungo anche una serie di obiettivi dalle prestazioni superiori. Si tratta dei cosiddetti obiettivi Canon serie L, dove L sta per luxury, a cui appartengono solamente ottiche che sono dotate di elementi a bassissima dispersione. Gli obiettivi serie L sono facilmente riconoscibili perché dotati di una linea rossa che corre intorno al barilotto dell’ottica stessa. Si tratta di obiettivi di fascia alta, spesso destinati a professionisti e ad artisti, in grado di garantire prestazioni ai massimi livelli.

Più